RE: Abbattere e Costruire cose, un’azienda giapponese alla conquista del mondo

Image for post
Image for post

“Nella mia visione, nel 2030 i negozi Muji sono presenti nella maggior parte delle principali città del mondo, i clienti acquistano i prodotti e li utilizzano quotidianamente”, ha detto il presidente di Muji, Satoru Matsuzaki “Per questo, abbiamo bisogno di abbattere e costruire un sacco di cose”.

Perché c’è bisogno di abbattere e costruire un sacco di cose? Perché, dopo otto anni di crescita del brand fino a triplicare il fatturato, per la prima volta nel 2018 Muji ha perso quota e non di poco: circa del 40%.

1 Nato come private label della catena giapponese di supermercati Seiyu, il famosissimo brand minimalista Muji, si chiama in realtà per esteso: Mujirushi Ryohin, ovvero “Prodotti di qualità senza logo”. Iniziano con idee di sostenibilità: vendono a prezzi ridotti confezioni di funghi shiitake spezzati e quindi non attraenti per i negozi, non per questo però da buttare.

1989 La Ryohin Keikaku si emancipa come brand dai supermercati Seiyu, e Muji amplia il suo catalogo ai prodotti da viaggio, alla cancelleria e a molto altro.

1991Il primo negozio Muji internazionale apre a Londra, dal 2000 l’espansione globale diventa molto forte e, nel 2012, apre anche in Cina. L’estero pesa ora sul brand circa al 40%.

Quali sono le ragioni del calo nel 2018?

Il prezzo” è la risposta che viene probabilmente subito in mente a chi almeno una volta si è aggirato tra le pile precise di prodotti di un negozio Muji. In effetti è così: le tasse di esportazione rendono anche i prodotti incredibilmente appetibili in Giappone ma non di utilizzo quotidiano all’estero, dove i prezzi sono maggiorati e il brand proprio grazie alla sua “non riconoscibilità” è facile preda dei competitor (Miniso, Nome, OCE, ecc…). Qui un articolo su come sia troppo facile copiare Muji: https://www.ilpost.it/2019/07/19/muji-cina/

La realtà è che non può essere sempre e solo il prezzo, la ragione. Mi soffermerei un attimo su questo: Muji da quarant’anni sta facendo da precursore in un’attività ecosostenibile che, nel mondo occidentale sta diventando di moda ora limitando la spesa sul marketing e sul packaging, producendo e distribuendo sul territorio prodotti essenziali no logo a basso impatto. Chiaro è che questo modello possa funzionare in Giappone, dove la catena produttiva consente ancora di rispondere alla mission aziendale. All’estero, dove il prezzo Muji è superiore allo standard e dove l’estetica minimal può essere facilmente replicata, una volta passato il trend esotico è molto difficile rimanere a galla.

Interessante la risposta di Muji: riparte dalla produzione in India di 200 prodotti per gli store locali in modo da andare a rispondere alle esigenze di un mercato in grande evoluzione sul quale il prezzo è ancora sicuramente un fattore determinante e, allo stesso tempo, contribuire all’economia locale. Questo indirizzo però non è seguito in tutta la strategia aziendale: parte della produzione verrà delocalizzata nel Sud-est asiatico, dove i prezzi della manodopera sono inferiori.

Mi piace soffermarmi sulla dichiarazione di Sarotu Matsukazi con cui ho aperto: “Abbiamo bisogno di abbattere e di costruire molte cose”, perché questo è l’unico consiglio che chi guida un’azienda deve seguire. Modificarsi, aggiornarsi, cambiare anche quando non sembra essercene bisogno, perché quando ce ne sarà bisogno sarà tardi e, solitamente, costerà moltissimo.

Image for post
Image for post

Written by

Il Digital come modo di vedere le cose. Account manager @ Webranking, Amazon Coordinator @ Pragmatic. Vivo tra Tunisi e Praga, ovvero a Reggio Emilia.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store